2 Dicembre 2021

Comunicazione interna, i trend da tenere d’occhio - Parte #1

 

 

Comunicazione interna, i trend da tenere d’occhioLa pandemia ha accelerato e portato alla luce processi di evoluzione e trasformazione nell’ambito della comunicazione interna delle aziende. Ci sono almeno 7 trend sui quali ora è importante soffermarsi. In questo primo articolo dedicato all’argomento, scopriamo insieme quali sono i primi 3.

 

Trend #1: La comunicazione interna ottiene un ruolo centrale in fase decisionale

La comunicazione interna non è importante solo per guidare i cambiamenti all’interno del luogo di lavoro. Essa ha un ruolo fondamentale nella performance aziendale e molte aziende lo hanno compreso nel periodo pandemico per almeno tre motivi:

  • La comunicazione interna è stata fondamentale per preparare i lavoratori a nuovi lockdown e aperture;
  • ha consentito di  veicolare informazioni importanti come le misure sanitarie o le linee guida da seguire in caso di test positivi;
  • ha permesso, e in molti casi tuttora permette, di coordinare a distanza le persone in smart working. 

L’importanza della comunicazione interna non la vediamo solo sul piano logistico, ma anche perché fornisce ai lavoratori informazioni aggiornate e trasparenti. Questo permette di mantenere alta la motivazione e offrire l’opportunità per scambi di idee ed esperienze.

La comunicazione interna deve rappresentare una priorità strategica per l’impresa, in quanto aiuta nel processo di resilienza. Questo aspetto gioca un ruolo decisivo in chiave di performance aziendale, ma è possibile solo se la comunicazione interna siede stabilmente al tavolo decisionale.

 

Trend #2: I leader devono essere anche dei buoni comunicatori 

Prima di parlare del secondo trend, immagina questa situazione: ti trovi su un volo internazionale che sta subendo una forte turbolenza. Tutti sono nervosi e insicuri riguardo cosa sta succedendo. In questa situazione da chi vorresti essere rassicurato, dall’equipaggio o dal pilota? È per questo motivo che in tali situazioni è sempre il pilota che parla ai passeggeri. Perché? Perché soltanto il pilota sa cosa sta veramente accadendo e le sue parole sono quelle più credibili.

Nelle situazioni di crisi le persone vogliono conoscere la verità dalle persone al comando. Cosa accadrebbe se il pilota in preda al panico iniziasse a dire ai passeggeri di allacciare le cinture e pregare, ma che le cose andranno comunque bene?

Secondo l’Edelman Trust Barometer, nel 2020 i CEO sono all’ultimo posto tra le risposte alla domanda “chi sta facendo un lavoro fantastico nel soddisfare le richieste rivolte in fase pandemica?”. Un chiaro segnale del fatto  che i leader dovrebbero diventare dei  comunicatori migliori. Data la varietà delle loro sfide, problemi e preoccupazioni personali, sarebbe fatale se i manager si facessero prendere nel vortice della disinformazione.

Non tutti i leader sono nati con la dote della comunicazione efficace , ma ci sono delle semplici best practice da adottare, ad esempio:

  • Comunicare in modo veloce e trasparente
  • Utilizzare messaggi semplici e chiari
  • Trovare il giusto bilanciamento tra fornire troppe o troppo poche informazioni
  • Costruire messaggi sempre in chiave positiva
  • Mettere in evidenza le storie che creano coinvolgimento e motivazione

     

     

Trend #3: La comunicazione interna necessita di misure più sistematiche

I team di comunicazione interna hanno bisogno di misurare il successo e l’impatto dei loro sforzi. Chi ha la possibilità di misurare l’effetto positivo del proprio lavoro ha maggiori chance di rafforzare il proprio ruolo all’interno di un’impresa. E ciò vale anche per la comunicazione interna. Ci sono diverse metriche da valutare: la reach (cioè la copertura percentuale del target) e l’interazione, i comportamenti e le abitudini degli utenti, il mood dei lavoratori. 

In base agli obiettivi di comunicazione interna è possibile determinare quali sono le metriche necessarie per capirne l’impatto in azienda. Ecco alcune idee:

  • Soddisfazione del lavoratore: è importante chiedere feedback ai dipendenti grazie all’utilizzo di questionari periodici
  • Come l’utente utilizza i touchpoint digitali: è possibile controllare quali pagine dei siti aziendali vengono visitate spesso dai dipendenti, quali notizie hanno il più elevato numero di interazioni o quali richieste vengono maggiormente inviate (richiesta di ferie, etc). In base a questi dati si possono costruire i percorsi che gli utenti fanno più spesso al fine di sviluppare nuove idee e strumenti per migliorare la comunicazione interna.

     

     

Questi sono i primi 3 trend che nell’ambito dell’internal communication abbiamo voluto segnalarvi. Scopri gli altri 4 trend qui!

Dai un’occhiata agli altri articoli sul blog

(Articolo tratto dal contenuto originale pubblicato da Staff Base)

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte Privacy.